Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare i servizi e l'esperienza di navigazione. Chiudendo questo banner, scorrendo la pagina web o cliccando qualunque altro suo elemento acconsentirai all'uso dei cookie. Se vuoi avere maggiori informazioni o sapere come negare il consenso a tutti o ad alcuni dei cookie clicca qui
Ho capito

Santo del giorno

Avvento, Tempo di attesa e di speranza

Con il grido Maranathà ha inizio l’Avvento, tempo di attesa e di speranza. Se l’uomo attende è perché c’è una promessa: quella di Dio che vuole entrare nella storia, assumere la nostra condizione umana, imparare il linguaggio umano, per narrarci le meraviglie che Dio vuole compiere per ciascuno di noi. L’Avvento si snoda in quattro domeniche muovendosi tra domanda e risposta: Maranathà: Vieni, Signore Gesù; Marana thà: Il Signore viene. E’ un cammino che parte da una condizione di schiavitù: Il popolo che camminava nelle tenebre … che approda alla vera libertà: … vide una grande luce. E ciò è significato anche dal colore liturgico (viola) che gradualmente passa dall’intensità fino al rosaceo. L’attesa del popolo è sostenuta dalla Parola dei Profeti, in modo particolare Isaia, attesa che trova il suo compimento nel sì di Maria, Porta dell’Avvento e Porta del Natale di Cristo che viene per dare inizio ad una nuova umanità, quella riconciliata nell’amore con Dio, l’intero genere umano e tutto l’universo.